26 mar 2011

Prof. Claudio Vicini: medico bugiardo IMMUNE alla Legge..

Denunciato "medico protetto dall'ultracasta", immune ai procedimenti penali contro di lui..

La prossima storia, giunta alla nostra Redazione il 24 marzo 2011 19:37 (lo specifichiamo per il sito di denunceitaliane.it, prima che ci accusino di nuovo di rubargli i loro articoli, visto che la persona ha scritto anche lì, ma non si capisce bene l'ora e il giorno perchè nel loro sito non compare bene la data), la prossima storia dicevamo, parla ancora di strabiliante malasanità..

casi incredibili raccontati, che hanno dell'inquietante...

semplicemente perchè, questo accaduto, potrebbe capitare tranquillamente anche a voi... che state leggendo. Quindi, premunitevi e fate "tesoro".


La Denuncia non è anonima, ma firmata. Pubblichiamo tale quale, così come ci è arrivata;

è ai danni del Professor Claudio Vicini di Forlì, e mette in guardia da lui e dal suo operato... Sarebbe un medico incompetente e quasi omicida... (la persona che ci scrive è viva per miracolo); ma, la cosa che inquieta di più, è che sia "impunito"... ossia: che goda di talmente tanto "potere" e "privilegi", che sembra sia "intoccabile" dalle Forze dell'Ordine e dalla Magistratura!! Immune alla Giustizia!...

Se non volete essere le sue prossime vittime, vi consigliamo: leggete. E fate circolare la Notizia. - lo staff.

- - -

Travagliata esperienza per intervento non andato a buon fine


Salve a tutti,

desidero raccontare la mia personale e travagliata esperienza di malasanità (a tutt'oggi non ancora conclusa a distanza di 7 lunghi anni), essendo stato sottoposto ad un intervento di chirurgia non andato a buon fine, ed essendo ad oggi in corso una interminabile pratica legale fatta di esami, perizie e tribunali, per i gravi danni morali e fisici subiti.

Tutto ha inizio nel 2004 quando, a seguito di una visita dall'otorino, mi viene diagnosticata una forma grave di Apnea Notturna di Osas Severa, un disturbo respiratorio del sonno caratterizzato dal collasso delle vie aeree superiori e da ciclici episodi di chiusura parziale dell'ipofaringe con successivi sforzi inspiratori allo scopo di riaprire il passaggio dell'aria.

Il Prof. Claudio Vicini, Direttore dell' U.O. ORL e Chirurgia Cervico-Facciale Ospedale G.B. Morgagni - L. Pierantoni di Forlì, mi comunica che l'unica soluzione è quella di sottopormi ad un intervento chirurgico al fine di correggere eventuali difetti anatomici o anomalie ostruttive delle vie aeree superiori.
Mi comunica inoltre che, il mancato trattamento chirurgico, mi avrebbe potuto causare ictus, infarto, embolia cerebrale e aggiungendo che avrebbero anche potuto ritirarmi la patente in una condizione simile.

Ho immediatamente accettato il trattamento mosso da molta preoccupazione, insistendo anche più volte perchè si riuscisse ad accelerare i tempi dell'operazione, in quanto l'agitazione non mi permetteva più nemmeno di riposare la notte.
In tutto questo il Prof. Vicini mi rassicura dicendomi che in una settimana si sarebbe risolto tutto, senza nessuna conseguenza post-operatoria.
Mi sono presentato con mia figlia 2 giorni prima della data prefissata per l'intervento, ad un incontro col Prof. Vicini e lui ha ripetuto le stesse cose, tranquillizzandoci sulla buona riuscita dell'intervento, ma non spiegandoci nulla della modalità con cui veniva eseguito.

Il 14 Marzo 2004 sono stato sottoposto all'intervento e al mio risveglio, con grossa sorpresa, mi sono accorto che l'operazione aveva richiesto la frattura della mandibola e della mascella, la deviazione del setto nasale e un ulteriore intervento di tracheotomia.
Oltre al fatto di trovarmi molto debole, quasi in punto di morte dopo un intervento durato circa 8 ore.

Ci tengo a ribadire il fatto che il Prof. Vicini mi aveva assicurato che sarebbe stato un intervento molto semplice!

Successivamente vengo dimesso dall'ospedale e mi sottopongo a tutta una serie di controlli in quanto riscontro gravi danni fisici, come malocclusione dentale e caduta dei denti, mancanza di sensibilità nella parte frontale della faccia e più precisamente nel mento, sotto al naso e nelle guance e in conseguenza a tutto questo una fortissima depressione che ho dovuto curare e sto tuttora curando con parecchie medicine.

Ai controlli comunico al Prof. Vicini questi problemi e lui, molto tranquillamente, mi risponde che va tutto bene, che la mia situazione è comprensibile dopo aver subito un intervento simile e che nel giro di qualche mese sarei tornato alla normalità.

a Tutt'oggi questi danni sono ancora presenti!!!

Mi sono sottoposto nel frattempo anche ad una visita pneumologica dal collega del Prof. Vicini, il Dott. Bosi, il quale mi controlla il respiro tramite CPAP.
Si tratta di un dispositivo, datomi in dotazione dopo l'intervento, di ventilazione notturna che crea una pressione positiva nelle vie aeree.
Riscontro fin da subito il problema a utilizzare questo apparecchio, in quanto la notte, con la riduzione del funzionamento dei centri nervosi che regolano anche la bocca, l'aria generata dall'apparecchio, mi crea una sorta di soffocamento.
Il Dott. Bosi mi dice che una delle cause della mia mancata guarigione è data proprio dal fatto di aver utilizzato poco l'apparecchio e che nel caso non l'avessi utilizzato, me l'avrebbe fatto ritirare e di prestare attenzione in quanto avrei rischiato che mi ritirassero anche la patente.
Gli ho risposto che questo avrebbe causato in me ancora più danni di quelli che erano già visibili e che questo avrebbe contribuito a penalizzare il mio stato mentale.

Senza contare che questo problema mi ha fatto perdere sin da subito il posto di lavoro, in quanto lavoravo come autista di autobus scolastico e il Comune ha deciso di licenziarmi in quanto non mi reputava una persona fidata per le mansioni che dovevo svolgere.

Col passare del tempo, dopo non aver riscontrato miglioramenti di nessun tipo e dopo l'ennesimo controllo dove mi sento rispondere sempre le stesse cose, comunico al Prof. Vicini l'intenzione di procedere per vie legali. Lui invece di venirmi incontro e cercare una soluzione, mi dice che in caso avessi tentato quella via, lui avrebbe dovuto tutelarsi, senza pertanto cercare di trovare un minimo di collaborazione con me e senza nemmeno ascoltare e prendere in considerazione i miei disagi.
Anzi, continua a ripetermi che la malocclusione era un problema presente anche prima dell'intervento e aggiunge, dopo aver fatto la prova bucandomi la guancia con un ferro, che la mancata sensibilità era dovuta solo al fatto che io avevo una forte resistenza al dolore.

Nell'intraprendere la via legale
, mi sono sottoposto a numerosi esami e visite come polisonnografia, visita otorino, odontoiatrica, maxillo facciale, psichiatrica per raccogliere un quadro generale della mia situazione e dei danni subiti.
Senza contare i soldi spesi ogni volta per sottopormi ad ogni esame e/o visita.

Mi sono nel frattempo rivolto anche al Dott. del reparto maxillo facciale dell'Ospedale “Bellaria” di Bologna il quale, una volta avermi visitato, mi ha prontamente domandato chi mi avesse operato in quanto il problema della bocca e dei denti era visibilmente evidente.
Mi spiega inoltre che il mio intervento deve di prassi essere svolto in presenza di un chirurgo maxillo facciale, mentre dalla cartella clinica dell'intervento non risultava nessuna figura simile.

Tramite l'avvocato, leggendo la varia documentazione del Prof. Vicini, leggiamo che effettivamente questi interventi vengono eseguiti con il chirurgo della maxillo facciale.
Come mai non c'era?

Successivamente e con mia grande sorpresa scopro che tutti gli esami eseguiti durante la procedura legale, confermano la tesi del Prof. Vicini. Sempre tramite il mio avvocato, vengo a scoprire che purtroppo tutti i medici coinvolti, si erano “venduti” in quanto costretti da un politico potente a scrivere nero su bianco il falso, altrimenti avrebbero perso il lavoro.

Mi sono così rivolto al Direttore Generale dell'USL di Forlì, il Dott. Claudio Mazzoni, il quale vedendo la cartella clinica e tutta la documentazione, capisce che c'è qualcosa che non va e mi dice disposto a risarcirmi i danni morali e civili subiti.

Era intenzionato a chiudere la causa, tramite patteggiamento tra gli avvocati, ma proprio il Prof. Vicini si è opposto alla cosa.

Ad oggi, a distanza di 7 anni, mi trovo ancora coinvolto in questa interminabile causa di tribunale, in quanto incontro sempre ostacoli e

continuo a chiedermi il perchè certe persone, come il Prof. Vicini e il Dott. Marco Limarzi sono così difendibili.


Ho denunciato queste due persone per via penale, per aver sempre dichiarato il falso, ma anche in questo caso senza ottenere risultati in quanto

il Giudice ha successivamente archiviato la causa, comunicando che contro queste due persone non è possibile fare nulla

e presentandomi una lettera che riporta testuali parole:

“l'Illuminario Professore Vicini Claudio, volendo, ha il diritto di effettuare anche degli esperimenti”.

Credo che gli esperimenti, se di esperimenti si tratta, dovrebbero essere comunicati prima di effettuare un'operazione, in modo che un paziente possa sentirsi libero di decidere se sottoporsi all'intervento o meno.

Credo inoltre che le leggi italiane hanno una burocrazia incredibile e pietosa che privilegia i più potenti a discapito dei pazienti che hanno problemi reali e gravi.

I primi di Dicembre del 2010 ho avuto inoltre una forte infezione alla parte operata, con dolore continuo ed acuto e perdita di sangue. Mi sono fatto visitare immediatamente dal medico legale, il quale mi ha prescritto una cura di antibiotici che prendevo 2 volte al giorno, al mattino e alla sera.
Di seguito mi ha indicato uno specialista maxillo facciale a Milano che ho prontamente contattato per avere un appuntamento.
Una volta visitato e capita la provenienza del problema, il Dottore maxillo facciale mi ha sottoposto ad un altro intervento per togliere le placche, le viti, le ferule, insomma il metallo che il Prof. Vicini, durante il primo intervento, mi aveva inserito al fine di allungare la mandibola.
Rimango ricoverato una settimana in rianimazione in quanto fatico a respirare.
Una volta ripreso, resto nuovamente sorpreso dell'inesistente professionalità del Prof. Vicini in quanto il Dott. di Milano mi chiede se ero stato informato del fatto che avrei dovuto farmi espellere il metallo inserito durante il primo intervento massimo un anno e mezzo dopo l'intervento.

Ancora una volta il Prof. Vicini non mi aveva avvertito di una cosa così importante, ancora una volta mi trovavo gravemente danneggiato a causa sua, con una forte e grave infezione in quanto portavo quei ferri da più di 6 anni!!!

Mi trovo ora in una condizione disperata, con gravi danni fisici e mentali e in più mi sono trovato costretto ad aprire dei mutui per poter pagare i viaggi fatti in diverse zone dell'Italia per sottopormi a consulti di professionisti, per pagare inoltre gli esami, i dottori, le cause, gli avvocati. Presto mi troverò costretto anche a vendere il mio appartamento.


Saluti, Maurizio Mambelli

mambellimaurizio@gmail.com

- - -

Siamo veramente costernati per la situazione incredibile! in cui riversa questo pover'uomo, per colpa di un dottore "protetto dall'ultra casta" che si diverte a fare "esperimenti" senza prima avvisare i suoi pazienti.. rovinando una vita.. o chissà, quante altre.

E, chiediamo, se ancora un po' di "pietà" esiste in giro, di aiutare questa persona, a venirne fuori..

Ricordatevi: domani può succedere anche voi, in qualunque momento, quando meno ve lo aspettate...

Denunce In rete.
-


Aggiornamento 11-07-'11

Preso dalla rete:
http://forum.alfemminile.com/forum/chirurgie/__f40650_chirurgie-Rinoplastica.html

Attenzione....

Il Prof. VICINI CLAUDIO dell'ospedale Morgagni di FORLI' mi ha operata
verso la fine del 2009. Purtroppo

non posso parlarne bene, perchè oltre a non avere migliorato la disfunzione respiratoria non ha per niente migliorato quella estetica, piuttosto mi ha creato degli altri problemi.

Inoltre il tutto a pagamento, per circa 5.000 euro tra viaggi, visite, clinica e operazione. Come otorino non voglio esprimere giudizi, ma come chirurgo estetico

non lo consiglio assolutamente. Non è un estetico, non mi ha seguito nel post operatorio e, degli insuccessi, mi ha dato vaghe spiegazioni.

ESPERIENZA NEGATIVA
ATTENZIONE...

Ciao Daniela

scritto il 21/03/10 alle 14:15

- - - - - - - - - - - - -

Post Relazionato:
A Torino si muore di malasanità. Attenti!!
http://denunceonline.blogspot.com/2011/03/torino-si-muore-di-malasanita-attenti.html

- - -
Link diretto
a questo
post:
- - -
- - - -
Questo post, è stato trasformato in un Knol a quest'indirizzo:
http://knol.google.com/k/denunce-in-rete/prof-claudio-vicini-di-forl%C3%AC-medico/fuim2rk2bfhv/16#view
- - -
L'autore ha pubblicato anche su: http://www.denunceitaliane.it/
- - - -
---
Vi ricordiamo che la nostra mail dove mandarci le vostre segnalazioni, è la seguente:

Contatto: denunceinrete@gmail.com


SCARICA IN PDF - Pdf 2.
Save as PDF
.
PDF più leggero.
(SiamoTuttiGiornalisti.Org)


06 mar 2011

Poliziotti e Carabinieri corrotti in tutta Italia

Raccolta di Denunce e segnalazioni su Poliziotti e Carabinieri, che commettono ingiustizie e reati verso cittadini

No, questo post non vuole essere una critica, nè un attacco indiscriminato, contro tutte le Forze dell'Ordine. Dobbiamo rendere grazie a chi eserce questa professione con onore, passione, e ancora molta dedizione. Quindi Grazie. Grazie a Voi tutti che siete Onesti e fate del vostro lavoro, di questo lavoro, una costante sfida nel pericolo.. Molte grazie, davvero.

Ma, non va dimenticato, che per molti di voi che la esercitano nel bene, molti altri...purtroppo.. no.

Ecco, questo post lo apriamo proprio per raccogliere tutte quelle Denunce, e ce ne sono molte, purtroppo, contro tutti quei comportamenti che giudicate "corrotti" o vi sembrano in qualche modo "immorali" o, comunque, "ingiusti" e disonesti, da parte delle Forze dell'Ordine della Vostra città.

La speranza, non è infangare la Categoria (anche perchè, è già abbastanza "infangata" da sola..), ma quella che, così parlandone, anche in maniera anonima, si possano evitare ad altri gli stessi mali capitati a qualcuno per esempio, transitando in una determinata via, ecc. Tutto qui. E, perchè no, se poi Voi poliziotti e/o carabinieri NON corrotti, leggendo queste linee, vorreste.. perchè no "indagare" seriamente sui "successi" di questi vostri colleghi, onde evitare il "ripeterseli", e beh, allora questo nostro lavoro non sarà stato certo vano. Per niente.


Denunce In Rete -

- - - -

Polizia e Carabinieri corrotti a Piazza Banchi, Genova?

La prima segnalazione che ci giunge, anonima, data di un mese fa. La persona che ci scrive, avverte:

"circa un mesetto fa sono stato testimone in Piazza Banchi, Genova, verso le cinque del pomeriggio di una lite tra stranieri che degenerava nel sangue.. Colto dalla gravità dei fatti, sono subito corso da un gruppetto di agenti, polizia e carabinieri assieme, che avevo visto a pochi isolati di distanza, ma... con mio sommo stupore! alle mie parole, quando dissi loro che due stranieri si stavano accoltellando e ferendo con colli di bottiglia rotti, mi sono sentito rispondere.. -E tu, perchè non impari a farti i cazzi tuoi?!- Ok! Non parlo più! sono state le mie parole ..".

La seconda segnalazione, sempre a Genova:

"mentre mi accingevo a ritornare a casa in macchina, verso sera, due poliziotti mi fermano e mi chiedono i documenti. Io, faccio per prenderli da sotto il sedile dell'auto ma l'agente, forse perchè giovane e impaurito da me che sono più anziano, mi punta il mitragliatore alla testa e m'intima di fare attenzione a quello che faccio!! Mi è sembrata, davvero, una reazione troppo esagerata!!!..."

A Bologna, Carabinieri tolgono punti dalla Patente senza motivo...

Terza segnalazione. Bologna:

"mentre guidavo per tornare a casa dopo il lavoro, era sera inoltrata, una pattuglia di Carabinieri mi fa cenno di accostare. Mi dicono che mi avrebbero tolto 6 punti dalla patente perchè andavo troppo veloce. La cosa è clamorosamente falsa!! Ma, si erano messi tutti d'accordo... e.. io come faccio a difenermi.. Si appoggiano l'un l'altro...".

- - - - - - - - - -

Segnalazioni tratte dal sito di Denunceitaliane.it:

"
I contributi inviati a denunceitaliane.it dagli utenti, possono essere
condivisi a condizione imprescindibile che il nome del sito internet
"denunceitaliane.it" sia presente dove venga condiviso il contributo,
con la formula testuale con link diretto verso questo sito es: ...
"origine del contributo dal sito internet www.denunceitaliane.it"
"

Trans Brasiliano violento rilasciato dalla Polizia, nelle strade di Perugia...

http://www.denunceitaliane.it/forum/criminalita/73-trans-delinquente-a-perugia.html#73

"c'é un trans brasiliano a Perugia, ch'è gia stato arrestato per tagliare il collo ad un cliente italiano. E' STATO IN CARCERE 6 mesi. MA Ora é fuori, e continua a fare tanto casino per strada, a Perugia: rapina i clienti, rompe le macchine, minaccia altri trans e clienti con bottiglie rotte e coltello. Incredibile come questo delinquente continua a fare tutto questo a Perugia, in zona industriale a SAN SISTO in VIA PENA, ed in via SETTEVALLE."

Ovviamente, in questa richiesta c'è un Appello Disperato alle Forze dell'Ordine, affinchè arrestino una volta per tutte questo delinquente.

-

Polizia Corrotta a San Severo, Foggia.

Questa successiva l'avevamo già vista ed affrontata in un post.

http://www.denunceitaliane.it/forum/criminalita/37-spaccio-infinito.html#37


"Salve sono un cittadino onesto di SAN SEVERO (FG) e per l'esattezza vivo nel quartiere via LUISA FANTASIA dove da anni si spaccia droga h24 soprattutto nella quinta traversa dove vivono in condomini famiglie tutti tra di loro, fratelli sorelle cognati zii nipoti ecc.. così riescono a coprirsi le spalle a vicenda e tutti hanno le telecamere dappertutto addirittura spacciano donne e bambini che non mandano mai a scuola e ci tocca di stare attenti a quando girano con le loro auto ad alta velocità senza ne patente e ne assicurazione tutto questo non può ancora continuare dovete darci una mano vi prego qualcuno faccia qualcosa aiutateci ne abbiamo veramente bisogno perchè non ci fidiamo più di nessuno ci trattano tutti male siamo veramente stanchi per favore aiutateci a distruggere queste famiglie."

-

Infine, ricordiamo anche, la Denuncia fatta sul nostro blog ai danni di quei due Carabinieri Corrotti di Porretta Terme, Bologna, da parte di una ragazzina indifesa che.. l'ha scampata proprio per un "soffio".. .

Carabinieri Corrotti a Porretta terme, Bologna.

http://denunceinrete.blogspot.com/2010/08/la-pensione-toscana-di-porretta-terme.html

"Io sottoscritta.. voglio denunciare la pensione Toscana di Porretta Terme (BO) per avermi senza nessun motivo mandata via con fare molto aggressivo e villano, dalla stanza che avevo pagato loro anticipatamente ... con fare tanto violento tale, da costringermi a chiamare i Carabinieri... Davanti agli occhi dei Carabinieri da me chiamati come testimoni non hanno potuto infatti presentare nessuna prova fondata di danno da me arreccatogli.. eppure i Carabinieri in virtu della loro amicizia col titolare della stessa pensione, invece dell'aiuto che mi aspettavo, mi hanno intimato invece di andarmene anche loro.. Se non era per la Pensione La Pace, di cui peraltro ero già cliente dalla scorsa estate, sarei finita in mezzo alla strada perdendo probabilmente anche i miei valori."

- - -
- - - -

La prima Denuncia è anonima. Ci giunge alla nostra Redazione, come la seconda; mentre, per ultimo, abbiamo lasciato le segnalazioni in tema raccolte dal sito di Denunceitaliane.it e ricordato le altre nostre simili, affrontate in altri nostri post.


Ovviamente, potete segnalare qui se ne conoscete altre, scrivendo direttamente un commento a questo post oltre ad inviarci le vostre mail. Proprio per questo l'apriamo. Fate sentire la vostra voce.

lo staff


Aggiornamento 30-04-'11:

Polizia e giudici corrotti a Livorno
http://www.google.com/notebook/public/02715070055054650337/BDUt93goQx6qnrvol
http://denunceinrete.blogspot.com/2011/04/ispettore-di-polizia-corrotto-livorno.html

Aggiornamento 06-07-'11:

Carabinieri ed Avvocati corrotti ad Albisola Superiore (SAVONA)
http://denunceinrete.blogspot.com/2011/07/carabinieri-ed-avvocati-corrotti-ad.html


Aggiornamento 17-07-'11:

Preso dai vostri commenti (vedi sotto)

Poliziotti e Carabinieri spiano "illecitamente"..


- - -
16 luglio 2011 16:08

Conosco alcuni Poliziotti e Carabinieri (maschi e femmine) che per spiare il partner che gli mette le corna fanno uso di materiale investigativo. Tipo? Software per intercettazioni telefoniche. Non basta si fanno aiutare anche da colleghi (costituendo così una vera associazione a delinquere).

Non si possono usare questi programmi per scopi personali.

Il superiore che da autorizzazione, deve o (dovrebbe) consentirlo solo dopo una dichiarazione scritta che elencano i motivi di tale. La dichiarazione deve essere scritta e registrata con la firma del superiore e l’approvazione del GIP.

L’intercettazione di conversazioni o comunicazioni telefoniche e di altre forme di telecomunicazione è consentita (dall’Art 226-266c.p.p.) nei procedimenti relativi ai seguenti reati:

a) delitti non colposi per i quali è prevista la pena dell’ergastolo o della reclusione superiore nel massimo a cinque anni determinata a norma dell’art. 4;
b) delitti contro la pubblica amministrazione per i quali è prevista la pena della reclusione non inferiore nel massimo a cinque anni determinata a norma dell’art. 4;
c) delitti concernenti sostanze stupefacenti o psicotrope;
d) delitti concernenti le armi e le sostanze esplosive;
e) delitti di contrabbando;
f) reati di ingiuria (594 c.p.p.), minaccia (612 c.p.p.), molestia o disturbo alle persone (660 c.p.p.) col mezzo del telefono.
f-bis) delitti previsti dall’articolo 600-ter (pornografia minorile), terzo comma, del codice penale……….

Io ho fatto un breve sunto possono esserci delle leggere imperfezioni.
FORTUNA CHE IO NON HO NIENTE DA NASCONDERE!

Cari colleghi la privacy vale per tutti! Quale esempio diamo al nostro paese? Sono sicuro che tutto ciò finirà prima o poi. Si intrcettino gli evasori fiscali, gli sfruttatori della prostituzione, gli skippettari, i narcotrafficanti e i politici corrotti di cui ne abbiamo uno che è veramente la vergogna del paese il nuovo RE. Tutti indossano la divisa appena arriva col A-319 a Ciampino tutti pronti a servirlo e riverirlo.
- - -

Grazie per denunciare questo fatto, per il Coraggio che hai avuto nel farlo; poliziotto, carabiniere, o chiunque tu sia: vorremmo TUTTI fossero come te. Speriamo un giorno ciò avvenga. Dev'essere ... lo staff.

- - - - - - - - - - - - -

Post Relazionato:

Perchè avere Paura della Polizia?
http://denunceinrete.blogspot.com/2011/02/perche-avere-paura-della-polizia.html

- - -
Link diretto
a questo
post:
- - -
- - - -
Questo post, è stato trasformato in un Knol a quest'indirizzo:
http://knol.google.com/k/denunce-in-rete/poliziotti-e-carabinieri-corrotti-in/fuim2rk2bfhv/15#view
- - -
---
Vi ricordiamo che la nostra mail dove mandarci le vostre segnalazioni, è la seguente:

Contatto: denunceinrete@gmail.com


SCARICA IN PDF - Pdf 2.
Save as PDF
.
PDF più leggero.
(SiamoTuttiGiornalisti.Org)


04 mar 2011

Appello disperato di una minorenne stuprata a Modena

Appello disperato: minore Stuprata e vittima di TSO, denuncia Servizi Sociali di Modena e la propria famiglia.
-

La Denuncia è contro i servizi sociali, giudicate voi leggendo, che come troppo spesso accade in quest'Italia maledetta, non proteggono adeguatamente vittime d'ingiustizie d'ogni genere...

E' il caso questa volta di una ragazza minorenne di Modena, vittima indifesa, da quanto ci racconta, sia della sua famiglia, Padre violento che.. usando le sue stesse parole "la spoglia nuda e la picchia", sia di un amico della madre Tunisino che, dopo un suo tentato suicidio la circuisce portandosela a casa e la stupra.. mettendola oltretutto incinta... sia, come se non bastasse! dei servizi sociali INCOMPETENTI italiani che abbiamo che, nella persona della dottoressa Maria Grazia Tondelli, invece di aiutarla, le fanno il TSO: ergo, la rinchiudono in manicomio (non è vero che non esistono più, hanno solo cambiato i nomi!), la imbottiscono di psicofarmaci e.., per chiudere in bellezza l'intero quadretto..., le fanno pure una proposta oscena indecente, sempre nella citata persona della dottoressa Maria Grazia Tondelli, di prostituzione!!!

La povera ha fatto un Appello Disperato sul sito di Denunceitaliane.it, ma nessuno l'ha ascoltata...
A noi ci stupisce molto che nessuno le ha risposto.

Ce ne siamo accorti solo ora, e ci dispiace non averla vista prima... Adesso, forse, è troppo tardi per fare realmente qualcosa per lei..

Qualcuno della nostra Redazione ha provato a contattarla al telefono che lei lascia e si è dimostrata diffidente.. con giusta ragione, fai bene piccolina. Non ti fidare più di nessuno.. Ma cerca di Reagire e.. abbi tanta Forza! La cosa più "Forte" che puoi fare, per non dargliela vinta, è cercare di non farti rovinare.. Reagisci, reagisci "dentro" e .. Abbi cura di te.

Anche se per telefono ci ha risposto che la denuncia non è più valida, abbiamo buone ragioni per supporre che non potesse parlare; per cui, raccogliamo la sua richiesta di aiuto disperato e rilanciamo cmq la Notizia.

Sperando che qualcuno possa aiutarla più di noi, e, soprattutto, che se UNA QUALCHE AUTORITA' COMPETENTE ancora esistesse in questa Italia senza Cuore! si mettesse una buona volta una mano sulla Coscienza e, quand'anche non potesse più aiutare la piccolina, indagasse perlomeno sulla persona della dottoressa Maria Grazia Tondelli, ch'è quella che la piccola denuncia, e la impossibilitasse a continuare a lavorare, se è vero che incita alla prostituzione, minorile per giunta!

Spero che facciate circolare la Notizia, perchè è importante.. non parlarne solo nel Bunga Bunga, ma tutte quelle sacrosante volte che accade!!! .

Denunce In Rete -

- - -
Tratta dal sito di Denunce Italiane.it
http://www.denunceitaliane.it/forum/violenze/6-stupro-e-violenza-morale-subita.html#6
http://www.denunceitaliane.it/forum/violenze/7-tso-05092010-24092010.html#7


- Denuncia non anonima, ma firmata, con tanto di cellulare -

Aggiornamento: 27/05/2011

Oscuriamo i dati della persona, su richiesta sembrerebbe della stessa, ma non la storia, giacchè preziosa testimonianza. Denunce In Rete -


DENUNCIA FATTA IN DUE POST.
QUESTO PRIMO, E' SULLA VIOLENZA CARNALE SUBITA.

STUPRO A MODENA di una minorenne, da parte di un tunisino.
- - -

NOME: Xxxxx
COGNOME: Xxxxxxx
INDIRIZZO: Xxx Xxxxx, xxx
CITTA': xxxxxx
TELEFONO: xxx xxxxxxx CELLULARE
SOS: Lunedì 30 agosto 2010, 08:18

Da: "msattar@gmx.com"
A: "xxxxx xxxxxxxx"

Ciaò cara Xxxxx ,

Come stai ?.. bene, come sono andate le vacanze? sperò che tu abbia trovato un lavoro, sono molto contento di scriverti ancora una volta per poter discutere insieme i nostri problemi certamente con la tua approvazione.

attenderò la tua risposta, Sami.

Bacci .
-

Ho ricevuto il messaggio qui sopra oggi dalla persona in questione (Sami) un tunisino, il quale, nell ottobre 2004 dopo un mio tentato suicidio con successiva rianimazione in ospedale, il giorno stesso che sono stata dimessa ed ero ancora convalescente, mi ha invitato a fare un giro insieme a lui e diceva suo cugino (7 ottobre), dopodiché mi ha portato a vedere la sua casa e sostenendo che l'amico che ci aveva accompagnato non poteva ritornare a prenderlo fino alle 6 di mattina, in questo modo mi ha fatta rimanere segregata tutta la notte a casa sua, anche se comunque in casa mia già avevo del resto una situazione familiare un po disagiata, in quanto i miei genitori avevano pensato di internarmi proprio in quei giorni per il mio tentato suicidio.

Quella notte il tunisino disse che voleva un figlio da me nonostante il mio rifiuto ha abusato di me incessantemente venendomi dentro ripetutamente, tornata a casa mi venne somministrato Lamictal, sotto prescrizione della dottoressa Tondelli, e mi venne una fortissima crisi di panico, mia madre chiamo' la guardia medica e mi somministro' 20 gocce di Tranquirit, mio padre telefono' allora alla sua amica, Tina Ferrari, (la quale mi aveva fatto conoscere il tunisino), che anche lei conosceva credo per le carte della cittadinanza, per domandargli se nell'acqua o nella coca cola che mi aveva offerto mi aveva somministrato della droga, la quale rispose di non conoscerlo.

Il mese dopo che venni a conoscenza del mio stato di gravidanza, l'ecografia riportava come data del concepimento l'8 ottobre 2004, lo tenni nascosto a mia madre ma arrivata al terzo mese glielo dissi, la quale telefono' subito alla dottoressa psichiatra Maria Grazia Tondelli, che le incito' a farmi abortire, o diceva che avrebbe preso il bambino e affidato tramite il tribunale dei minori perché non ero in grado di intendere e di volere ne di portare avanti una gravidanza, dopo di che mia madre si mobilito' per trovarmi un altra psichiatra, il dottor Piccaluga, il quale era contro l'aborto, ma io decisi di non tenerlo e interruppi la gravidanza prima provandoci il 15 dicembre con anestesia locale, ma non ci riuscii e poi tornai il 17 con anestesia totale.

Mesi dopo la dottoressa Tondelli quando mi riinizia a curare, mi chiese se ero triste per aver abortito, e io le risposi che un po lo ero; lei allora mi disse ché tanto mi avrebbe fatto abortire comunque lei stessa se avessi provato a tenerlo, con i farmaci.

Inoltre all'età di 22 anni la dottoressa Tondelli quando le parlavo delle mie avventure sessuali mi diceva che avrei potuto pagare gli uomini e me li avrebbe procurati lei degli uomini validi con cui fare sesso, una volta ogni due settimane, io avrei pagato lei e lei me li avrebbe procurati.

Vorrei denunciare il tunisino e vorrei che la finisse di inviarmi email e di cercarmi, e inoltre vorrei denunciare la dottoressa Maria Grazia Tondelli per le Offese.

- - -
Nel suo successivo post, fa la

DENUNCIA CONTRO IL TSO
E LA VIOLENZA FAMILIARE, SUBITI.

- - -
-disturbo di personalita' grave con episodi di scompenso psicotici?-

Sono stata ricoverata dal 5 ad oggi per avere questa malattia mentale diagnosticata, qualcuno potrebbe darmi delle delucidazioni e su che tipo di disturbo è ?

Prendo Depakin 500 chrono pomeriggio e Depakin 500 chrono sera piu Abilify 20 mg e Tavor 2,5 mg, adesso avendo loro timore che non mi curi, la terapia la devo prendere non piu a casa ma al day hospital della mia citta' , solo la sera semmai qualcosa al bisogno

La lettera di dimissioni dice: all ingresso la paziente si presentava vigile, lucida, irritabile, disforica, provocatoria ed interpretativa. il contenuto dell eloquio era coerente e caratterizzato da ideazioni prevalenti e perseveranti polarizzate su tematiche sessuali e farmacologiche. assente la critica di malattia. i genitori riferivano comportamenti compulsivi, ma egosintonici e impulsivi al domicilio.

In realta' mio padre mi ha ricoverato perche gli davo fastidio, si e' innervosito per nulla, mi ha spogliata nuda con mia madre chiamandomi puttana e poi mi hanno riempito di botte, urlavo tanto che i vicini hanno chiamato la polizia, e mi hanno ricoverata all ospedale "Diagnosi e Cura" di Baggiovara, TSO, la terapia era Depakin 500 Crono pomeriggio e sera 20 mg di Abilify sera piu 2,5 Tavor, cosa ne pensate?

Stasera x es ho avuto un attacco di panico e non mi fido dei miei, mi consigliate di cambiare casa? trovarmi un altro posto dove stare?? grazie.

Sono stata ricoverata a "Diagnosi e cura" di Baggiovara, l'ospedale psichiatrico piu subdolo di tutta Modena, anche se a me non sarebbe piaciuto proprio per niente ricoverarmi

Abito a modena, il dottore che mi ha diagnosticato la malattia si chiama Ranuccini, con la dott.sa Simoni, poi al day hospital mi segue la dott.sa Moscara e il dottor Soli, mentre al "Paul Harris" di Modena Est la dottoressa Flamia, come psichiatri ne ho, dall'uscita del ricovero. Simoni e Ranuccini non mi seguono piu ma devo fare un percorso con il Day Hospital, quello non mi dispiace, l'unica cosa e' che devi prendere la terapia davanti a loro e non a casa e di solito danno antipsicotici, adesso da lunedì non so come cambieranno la cura perchè devo stare lì fino alle 2, pranzo anche lì e dopo la terapia la devo fare lì e la sera non prenderò poi più nulla per dormire, tranne "al bisogno".

Adesso vorrei cercarmi una sistemazione da sola, i miei stanno cercando di legarmi cosi' facendo ancora di piu, aiuto!! non li sopporto sono ossessivi e oppressivi anche troppo, qualcuno mi aiuti se puo'!

Adesso faccio da un paio di giorni il day hospital, al "Diagnosi e Cura" di Modena, la psichiatra non mi convince, e' obbligatorio però per me andarci fino al 10 ottobre, poi mi ha detto che si decidera' se fare 3 mesi, lei non vuole aiutarmi nel calo di peso (100 kg) con anoressizanti, dice che non esistono (??) e a quanto pare credono che mi inventi le crisi di panico visto che mi hanno tolto la paroxetina.

Un altro problema e' che mi seguono ovunque, vogliono che faccia le visite ginecologiche con le infermiere davanti, per esempio venerdi', vogliono che prenda i farmaci al day hospital e non a casa, la terapia [per dormire] (solo al bisogno) la sera semmmai, vogliono che io segua i comandi dei miei genitori che sono oppressivi, non per nulla vi ricordo che

mio padre mi ha ricoverato perche gli davo fastidio, si e' innervosito per nulla, mi ha spogliata nuda con mia madre chiamandomi puttana e poi mi hanno riempito di botte, urlavo tanto che i vicini hanno chiamato la polizia, e mi hanno ricoverata all'ospedale "Diagnosi e cura" di Baggiovara, TSO, ...

i lividi sono una prova di quello che dico.


- - - - -
---
- - - - - - - - - - - - - - -

"
I contributi inviati a denunceitaliane.it dagli utenti, possono essere
condivisi a condizione imprescindibile che il nome del sito internet
"denunceitaliane.it" sia presente dove venga condiviso il contributo,
con la formula testuale con link diretto verso questo sito es: ...
"origine del contributo dal sito internet www.denunceitaliane.it"

"
- - -

Direi che.. no comment Questa Denuncia è.. tanto cruda... e genuina, che... si commenta da sola .

Un Urlo di Dolore nel Buio della nostra Indifferenza, e Inciviltà, tutta italiana che abbiamo.. .

Ripetiamo: speriamo che la piccola stia bene, e che abbia risolto i suoi problemi come disse al nostro collega al telefono.. ma, i fatti sono TANTO GRAVI che... non possono semplicemente essere Taciuti!! Questo URLO di DOLORE e di DISPERAZIONE, è solo uno dei tanti che viene alla superficie!!! E, noi, Tutti Noi, dovremmo adoperarci per mettere la Parola FINE! a tutto questo...

Non solo, con il Bunga Bunga, ripeto!! Queste sono cose che succedono SEMPRE!!!

Finchè continueremo a permetterlo. Fino a quando? -

Denunce in Rete

.

Aggiornamento 14-07-'11:

Tratto dai commenti (vedi sotto).

Mi chiamo Jessica Tonani; sono in una situazione simile, ma meno complessa.

Sono stata stuprata a 12 anni al mare, da un perfetto sconosciuto; x fortuna nessuna complicazione, allora ... ma, la vera complicazione è stata il mio silenzio.

Ho sofferto x tutte le medie, perchè abitavo con mio padre, divorziato da mia madre; allora era tempo di separazione e sempre ero aggressiva e impulsiva ... e non ascoltavo nessuno.

Premetto sono stata bocciata in prima per via di malattie e soffrivo nell'essere presa in giro dai compagni, e son finita bocciata; poi, sono arrivata alla terza media e ho incontrato un marocchino di nome Nabil e mi trattava bene; son finita tra le sue braccia fidandomi e abbiamo fatto sesso ... Dopo che mi ha insultata io son stata male e ho cercato appoggio con un altro ragazzo, sempre marocchino, Rachid; con lui andava tutto bene fino a che son andata in prima superiore e mi sono fatta condizionare da una tipa; da quella, e da un'altra..

Faccio di qui, spacco di lì, e mi ritrovavo nel pieno stile American 'Pie, ovvero il film di porchi dove si fa sempre sesso; io, non sempre, ma ricadevo nelle attenzioni di tutti e con alcuni ci son super cascata; mi son ritrovata i miei contro, era ovvio erano preoccupati; piu che altro mia madre. Mio padre ancora adesso mi dà della puttana e anche la sua compagna.

Mia madre mi ha messo sotto l'Associzione Delfino a parlare con una psicologa di nome Chiara; lei ascoltava ciò che dicevo, ma non mi dava nessun aiuto: verbalizzava e basta, e l'Assistente Sociale mi dice ancora che il mio comportamento è da prostituta. La mia domanda è: perchè nessuno riesce a vedere in profondità di una persona ??

Guardno solo i gesti, ma non ciò che li provoca, e così non si può aiutare.


Ho fatto ancora cavolate, non ascoltavo più nessuno; fino a quando, 5 mesi fa, ho trovato il ragazzo più bello e più inteligente del mondo giovani: un albanese di 19 anni, mi ha aiutato sostenendomi solo con l'amore e la vera passione, e mi ha fatto capire che dovevo uscirne perchè, piu ascoltavo "loro", più mi indebolivo e ricadevo nella trappola.

Ora, li o messi in dificoltà perchè sono super cambiata e, talmente non sapevano più che fare, che mi vogliono mandare sotto altri psicologi della provincia di Varese, ovvero del Distretto di Azzate; ma sono due ragaze queste psicologhe, e quando l'Assistente Sociale gli ha raccontato tutto ciò che ho fatto e il lavoro che hanno svolto fin'ora, loro si son messe a ridere dicendo: "e secondo voi, avete svolto un buon lavoro ???"

Io, sto ancora aspettando di conoscere queste due, ma già so che mai più ricadrò in quel fosso; perchè ora son incinta del mio uomo, sto creando la mia famiglia, una vera famiglia e guai chi me la tocca! <3

Detto questo, non sei l'unica a vivere male qui in italia; io ho 17 anni, e ai miei 18 vado in Albania perchè qui la legge è una meeeeerda

- - -

Jessica, Grazie per la tua preziosa Testimonianza.

Sicuramente, hai ragione tu: non ricadrai mai più! Perchè il vero Amore trasforma, ed è quello che sostiene.. veramente una persona. A tutti i livelli. Quello che manca qui in Italia; perchè, anche in questo, purtroppo, hai ragione: manca qui..la "solidarietà", il "sentimento", la "genuina passione", e...la società risulta "sfasciata" e distrutta; e, le ingiustizie come le tue, o quelle subite da Paola, sono la "triste regola", invece di essere, come dovrebbero, l'eccezione.

Ebbene: noi ti auguriamo Ogni Bene, dovunque tu sia e dovunque tu vada, con la Nuova tua splendida Famiglia!

Dal Cuore;

da tutti noi di,

Denunce In Rete.

-o-0-o-




Link diretto
a questo
post:
- - -
- - - -

Questo post, è stato trasformato in un Knol a quest'indirizzo:

http://knol.google.com/k/denunce-in-rete/appello-disperato-di-una-minore/fuim2rk2bfhv/14#view
- - -

Quest' articolo, è presente su: http://www.denunceitaliane.it/ - link2

- - - -
---
Vi ricordiamo che la nostra mail dove mandarci le vostre segnalazioni, è la seguente:

Contatto: denunceinrete@gmail.com


SCARICA IN PDF - Pdf 2.
Save as PDF
.
PDF più leggero.
(SiamoTuttiGiornalisti.Org)


01 mar 2011

A Torino si muore di Malasanità. Attenti!!

State attenti voi che leggete, abitanti di Torino... ai vostri dottori, nei vostri ospedali.. Potrebbe succedervi quello ch'è successo al segnalatore della prossima denuncia; anche se noi, non ve l'auguriamo mai...

Attenti, dunque. Per non essere la prossima vittima di Malasanità di Torino, l'unico modo è prevenire.. Fate sapere, questa storia. E, adoperatevi con qualsiasi mezzo affinchè mai più si ripeta, una simile tragedia!! Un simile orrore!


Raccogliamo la Denuncia, fatta sul sito di DenunceItaliane.it:
http://www.denunceitaliane.it/forum/malasanita/2-denunciare-medico-incompetente-o-desideroso-di-soldi-.html#2

- - - - - - - - - - - - - - -

"
I contributi inviati a denunceitaliane.it dagli utenti, possono essere
condivisi a condizione imprescindibile che il nome del sito internet
"denunceitaliane.it" sia presente dove venga condiviso il contributo,
con la formula testuale con link diretto verso questo sito es: ...
"origine del contributo dal sito internet www.denunceitaliane.it"

"
- - -

Mi chiamo Luca Milletarì, vivo a Torino e voglio lasciare scritto su questo sito internet una mia esperienza diretta di malasanità, avuta, seguendo la malattia di mio padre, Antonino Milletarì. (tumore polmonare)

Nel 2001 abbiamo scoperto l'esistenza di un tumore al polmone, abbiamo iniziato tutte le relative cure come la radioterapia, la chemioterapia ed un intervento chirurgico al polmone per esportare il tumore (ancora non in metastasi).

Tutto è proceduto bene ed abbiamo incontrato medici molto bravi e disponibili verso questo tipo di malattia all'interno del reparto pneumatologico dell'Ospedale S. Luigi di Orbassano in provincia di Torino. Abbiamo seguito tutti i vari cicli di chemioterapia dopo l'intervento al polmone e tutto sommato stava procedendo bene, il tumore si ripresentava in piccole cellule ed attraverso la chemioterapia veniva distrutto per poi riformarsi di nuovo dopo un paio di mesi e di conseguenza distruggerlo nuovamente con i cicli di chemioterapia.

Purtroppo nell'ottobre del 2004, un giorno come tanti, mio padre era in ospedale per aspettare di effettuare un altro ciclo di chemioterapia.
Ad un certo punto arriva nel reparto dove eravamo (pneumatologico), un medico del reparto di chirurgia generale, e ci comunica che guardando delle lastre avevano trovato un diverticolo (un foro nell'intestino) a mio padre e se non si sottoponeva subito ad un intervento avrebbe vissuto più o meno per altri 7 giorni.
Io e mio padre ci siamo guardati stupiti e dopo averne parlato tra di noi decidemmo (quasi costretti) di ascoltare questo medico e di farsi operare per eliminare questo diverticolo.

Il giorno successivo mio padre viene portato in sala operatoria e viene operato. Io mi trovavo per lavoro a Novara ed appena mi sono liberato dal cliente sono corso all'ospedale ed arrivai un ora dopo che fosse finito l'intervento. Intervento chirurgico effettuato dai Dottori: Roberto Rosa e da Stefano Enrico.

Appena arrivai al reparto di chirurgia generale, dove era mio padre, subito delle infermiere che avevano assistito all'operazione di mio padre al diverticolo, si avvicinarono a me e mi dissero di denunciare i medici che avevano effettuato l'operazione perché mio padre non aveva nessun diverticolo e quindi è stato aperto con un taglio di 20 cm allo stomaco per niente.

Infatti, mi raccontano che il chirurgo aveva tagliato mio padre si è messo a cercare il diverticolo ma non essendoci lo ha richiuso ed ha terminato la sua operazione.

(questo, per chi non lo sapesse, ha impedito il ciclo di chemioterapia, infatti non si può fare nessun ciclo se riporti dei tagli o ferite, perché la chemioterapia non fa coagulare il sangue e quindi non permette la rimarginazione e si morirebbe per dissanguamento).

Andai subito dal Dottor Roberto Rosa per chiedere delle spiegazioni sull'operazione che aveva svolto.

Appena mi vide, iniziò subito ad urlarmi addosso senza neanche darmi la possibilità di dire “Buongiorno Dottore”, e mi urlò che potevo anche denunciarlo, che potevo fare quello che volevo (tutto questo senza neanche guardarmi in faccia ma sgattaiolando da una stanza all'altra.) e talmente urlava che tutto il reparto lo sentiva compreso mio padre, il quale mi fece subito andare da lui e mi disse di lasciarlo perdere e di non denunciarlo perché ormai la frittata era fatta e Dio lo avrebbe punito per il suo operato.

Mio padre è stato un uomo di grande fede cristiana e per lui contava di più la punizione divina che quella dell'uomo. Io abbattuto e pieno di rabbia rispettai la sua richiesta e non sporsi nessuna denuncia.

Quando ormai il taglio fu rimarginato e si potevano fare i cicli di chemioterapia, il tumore aveva preso il sopravvento ed i cicli di chemioterapia non servivano più perché ormai il tumore era in metastasi. Da li a circa 5 mesi mio padre morì, il tumore si mangiò tutto il polmone riversando acqua dentro se stesso ed il cuore non resse più e gli scoppiò determinando così la sua fine ancora prima di quel poco che già gli rimaneva, e la cosa più buffa di tutto questo è che i medici che hanno operato mio padre sono stati pagati profumatamente per i loro servizi.


Lascio a voi che leggete il giudizio di quello che mi è successo ed ora sono più sereno perché finalmente ho potuto dare voce alla mia vicenda e spero che questa mia esperienza possa servire un giorno a qualcuno, per evitare che si ricada di nuovo in questo tipo di situazione.

- - - - - -

Grazie Lux, per la tua preziosa Testimonianza. Vedrai che a qualcuno servirà leggerla.

Un abbraccio, da tutti noi di Denunce In Rete - lo staff.



-o-0-o-




Link diretto
a questo
post:
- - -
- - - -

Questo post, è stato trasformato in un Knol a quest'indirizzo:

http://knol.google.com/k/denunce-in-rete/a-torino-si-muore-di-malasanit%C3%A0-attenti/fuim2rk2bfhv/12#view

- - -

Quest' articolo, è presente su: http://www.denunceitaliane.it/

- - - -
---
Vi ricordiamo che la nostra mail dove mandarci le vostre segnalazioni, è la seguente:

Contatto: denunceinrete@gmail.com


SCARICA IN PDF - Pdf 2.
Save as PDF
.
PDF più leggero.
(SiamoTuttiGiornalisti.Org)

Aggiornamento 02 03 2011: dal sito di
http://www.denunceitaliane.it/

Ho corretto il post, aggiungendo il mio nome e cognome e quello di mio Padre. Vorrei aggiungere che ancora oggi conservo tutti i dati sanitari che hanno riguardato mio Padre, tra cui anche quelli dove veniva fatta richiesta urgente per l'intervento al diverticolo e quello successivo all'intervento dove viene detto che non è stato trovato nessun diverticolo, i quali metterò volentieri a disposizione magari per il Tribunale dell'ospedale.... Poveri noi in questa Italia....

luxlux

- - -
Caro Luca; ci permettiamo di spronarti alla denuncia legale, non tanto per sperare di avere giustizia (come tuo padre diceva, esiste quella divina..), ma.. per evitare ad altri d'incorrere negli stessi dottori responsabili. Non sia mai che uccidano qualcun altro... e, la responsabilità sarà anche tua che decidi di non parlare, di non denunciare. FALLO. Nei confronti del tuo prossimo, è la cosa più corretta da fare. Animo!

lo Staff -

.